Image
Image
Image
Image
Appello ai professori consapevoli: costruiamo una comunità virtuale di solidarietà ai tempi del Covid19

L'epidemia del Corona Virus si inserisce nel contesto di una crisi economica, sociale e politica preesistente, causata da 30 anni di politiche neoliberiste imposte dalle classi dominanti continentali.

Oltre alla drammatica condizione del sistema sanitario, che dopo anni di tagli, privatizzazioni e regionalizzazione ad oggi si è dimostrato non all’altezza dell'emergenza, è evidente che la diffusione del Virus sta avendo un impatto disastroso anche sul sistema scolastico.
Lo Stato ha infatti appaltato ai privati il finanziamento degli Istituti e delegato alle regioni la loro regolamentazione, creando di fatto una forte squilibrio materiale che le circostanze attuali rendono più acuto che mai. Inoltre, il modello imposto da governi sia di centro destra che di centro sinistra su dettatura dell’Unione Europea, basato sulla valutazione, la competizione individuale e la selezione sociale ha reso la scuola un luogo esclusivo e disgregativo, dove gli studenti disimparano il valore e la forza dell'agire collettivo.

Le riforme che hanno stravolto la funzione della Scuola pubblica ci hanno dimostrato l'effettiva condizione di subalternità e quindi di vicinanza fra studenti e lavoratori della scuola, e con la chiusura degli Istituti a seguito dell’emergenza sanitaria è arrivata la definitiva conferma delle nostre tesi: per quanto la didattica a distanza sia l'unico strumento possibile per continuare le lezioni in un contesto emergenziale, questa non ha una reale funzione pedagogica, stravolge la funzione stessa della formazione e fa emergere in modo palese la non omogeneità dell’accesso al diritto allo studio amplificando le differenze tra studenti, tra scuole di serie A e scuole di serie B, nonché costringendo i professori a uno sforzo individuale di fronte alla crisi.

Il re è nudo di fronte a un collasso generale del sistema e come studenti medi non vogliamo arrenderci: per questo, abbiamo creato il progetto CollegaLeMenti, una comunità virtuale rivolta agli studenti di tutta Italia. All’interno della piattaforma abbiamo creato una sezione dedicata alla scuola, allo scopo di offrire uno spazio di condivisione e discussione, nonché ripetizioni e video-lezioni online, per denunciare l’attuale situazione che viviamo e superare insieme l’emergenza.
Sarà accessibile da tutti i dispositivi, anche per chi non disponesse di un computer; sarà rivolto a tutti quelli la cui scuola ha difficoltà a garantire un servizio continuativo e a chi avesse bisogno di supporto e condivisione nello studio.
Vogliamo che questo sia uno strumento mutualistico per un sostegno reciproco fra studenti: che vuole porsi in rottura con i valori cardine del mondo in cui viviamo: per anni infatti ci hanno raccontato che per sopravvivere e primeggiare in questo mondo dobbiamo lottare gli uni contro gli altri, ci hanno detto che non esiste la collettività ma soltanto gli individui e hanno tentato di demonizzare qualsiasi esperienza storica negasse questi preconcetti. E' arrivato il momento di dimostrare il contrario, a partire dal mondo della formazione e dalla sua intrinseca (e dimenticata) utilità sociale: non ci si salva da soli e l'unica possibilità che abbiamo per uscire da questa crisi è la solidarietà e la volontà di creare una società in cui nessuno verrà lasciato indietro.

Per questi motivi lanciamo un appello a tutti i docenti d’Italia e in particolare a quelli con cui abbiamo condiviso tante battaglie contro lo smantellamento della scuola pubblica. Ci rivolgiamo a voi che state subendo i nostri stessi disagi e vi chiediamo di aiutarci a costruire CollegaLeMenti per superare insieme questo momento drammatico, partendo dall’aiuto concreto nel campo delle ripetizioni e delle video lezioni, per aiutare tutti gli studenti a cui è stato negato il diritto all’Istruzione e per denunciare fortemente quanto sta accadendo. Dalle aule alla rete: colleghiamoci!
Vedi il video appello

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image